Coworkers
Giugno 21, 2018 0

Che tipologia di lavoratori occupano gli spazi di coworking?

Chi di voi si è mai chiesto: “Chi sono i coworkers?”

I risultati del Global Coworking Survey 2017 ci forniscono informazioni molto interessanti su quali siano le caratteristiche più comuni a livello planetario tra coloro che scelgono di lavorare in un coworking, entrando a far parte di una community.

Innanzitutto, le statistiche hanno rivelato che in genere, tra il 2012 e il 2017, l’età media si aggira tra i 30 e i 39 anni e, più precisamente, nel 2017 l’età media stimata è stata pari a 36,4 anni.

Per quanto riguarda il ruolo lavorativo assunto dai coworkers è emerso come esso cambi sensibilmente a seconda delle aree geografiche in cui gli spazi di lavoro condiviso si trovano; ad esempio in Asia la maggioranza degli utenti (in media il 56%) sono lavoratori dipendenti di piccole-medie imprese o start up in crescita, in Europa invece la maggioranza dei coworkers (51%) sono freelancers, mentre in Nord America il 37% dei coworkers è composta da liberi professionisti, seguito dal 35% da dipendenti di società.

Con l’aiuto di Deskmag (portale più diffuso sul mondo dei coworking) sappiamo, inoltre, che la maggior parte (circa il 45%) di coloro che hanno scelto di sperimentare una postazione di lavoro in coworking, o di affittare un ufficio privato all’interno di tali spazi, precedentemente lavorava da casa. Invece, solo una  piccola percentuale (il 10%) si è spostato da un coworking ad un altro. Secondo le statistiche, i nuovi iscritti tendono a venire a conoscenza degli spazi di coworking attraverso tre principali modalità: il passaparola (33%), ricerche Internet (23%) e Social media (11%).

Ma perché si sceglie uno spazio di coworking?

Sostanzialmente coloro che decidono di lavorare in un coworking sono incoraggiati dall’idea di entrar a far parte di una comunità che stimola quotidianamente la creatività, l’innovazione, fornisce valide opportunità di crescita personale e professionale, nonché facilita occasioni di collaborazioni lavorative tra vari professionisti della stessa community. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che un ambiente di lavoro sereno e cooperativo, e in questo caso anche sinergico, potrebbe incentivare un benessere psicofisico solitamente correlato a livelli di produttività lavorativa maggiori.

Questo clima collaborativo è permesso dal fatto che i settori professionali, entro cui operano i membri delle communities di tutto il mondo, sono molto variegati. Secondo la Global Coworking Survey 2017, ricerca condotta da Social Workplaces e supportata da Nexudus, Essensys & Communitas, tuttavia emerge che, all’interno degli spazi, prevalgono alcune professionalità lavorative rispetto ad altre, tra le quali giornalisti, bloggers, sviluppatori di software e web designers.

La crescita continua di questi spazi di coworking e del numero di clienti è la dimostrazione che l’interazione e il confronto tra differenti figure professionali può portare ad interessanti punti d’incontro e collaborazioni tra le varie realtà, implicando un beneficio comune sia dal punto di vista lavorativo che personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Copyrights © FirstFloor srl - P.IVA 09307480963 - Privacy Policy
Powered by Piacca.com
X